Piccola ballata sindonica

PICCOLA BALLATA SINDONICA

Sull’artistico lenzuolo
tutti voglion dir la loro:
con gaiezza oppur con duolo
straparlar li senti in coro.

C’è chi giura sulla tela
– come fa Baima Bollone –
e chi regge la candela
come Gian Maria Zaccone.

C’è chi, come Balossino,
con le foto fa magie,
sostenuto da Brachino
che non lesina bugie.
E c’è poi Barberis Bruno,
matematico del CIS:
per convincere qualcuno
lui farebbe uno… strip-tease.

Molto mistico è Cordiglia
(buono per il Bangladesh):
la teoria alla qual s’appiglia?
L’energia data da un “flash”!

Sventar vogliono i tranelli
poche voci (inascoltate):
«Chi…? Lombatti? Garlaschelli?
Ma non dicano minchiate!»

Pur Delfino, un po’ impacciato,
si cimenta alla tivù;
ma poiché non è “scafato”
conta meno di un bantù.

Dubitare (almeno un poco ),
voi capite che non va;
non conviene questo gioco:
solo il Papa ormai lo fa (…!).

Eugenio Ragone – maggio 2010

Share

Annunci